Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

America in Italian Culture 1866-1943 di Guido Bonsaver

bonsaver

Giovedi’ 29 febbraio, ore 18

America in Italian Culture: the Rise of a New Model of Modernity, 1866-1943 (Oxford University Press) di Guido Bonsaver.

Presentazione del libro e conversazione tra l’autore e il Professor David Ellwood.

Quando alla fine del 19esimo Secolo l’America comincia ad emergere come potenza mondiale, l’Italia e’ una nazione giovane, da poco unificata. Le innovazioni tecnologiche, portate avanti dall’avvento dell’elettricita’ e del motore a scoppio, accelerano la capacita’ di notizie, idee e artefatti di diffondersi nel mondo. Inoltre, l’alfabetizzazione e le riforme sociali hanno dato origine ad una classe operaia italiana con una maggiore disponilita’ di denaro, di tempo e d’istruzione. Alla fine del secolo, mentre l’elite che governa in Italia guarda ancora Parigi come modello di sofisticazione e di buon gusto, milioni di italiani con un livello di istruzione piu’ basso iniziano a sognare l’America, e molti acquistano un biglietto per i transatlantici con l’obiettivo di emigrare.

Negli Anni Venti, gli italiani conoscono l’America attraverso i film di Hollywood e grazie alla riviste illustrate vengono affascinati dallo skyline futuristico di Manhattan e dalle notizie sullo stile di vita americano. Gli Stati Uniti rappresentano un modello di modernita’ che valica i confini nazionali e che si rivolge a tutti. Lo si poteva snobbare, adorare o trasformare a proprio piacimento, ma non lo si poteva ignorare.

Paradossalmente, l’Italia all’epoca era nelle mani della dittatura totalitaria, il Fascismo di Mussolini. Quali sono stati gli effetti delle politiche e delle capagne nazionalistiche atte a proteggere gli italiani dall’influenza straniera considerata dannosa? Perche’ il jazz, la letteratura americana e i fumetti erano cosi’ popolari, mentre gli Stati Uniti diventano il nemico politico dell’Italia? America in italian Culture fornisce una narrativa accademica ed accattivante di quest’epoca di cambiamento della cultura italiana.

Prenota il tuo posto QUI

Puoi leggere l’introduzione al libro QUI

Inoltre, i membri di istituzioni affiliate (ad esempio le Universita’ di Londra), possono accedere gratutitamente all’ebook, seguendo questo link https://academic.oup.com/book/51692

Guido Bonsaver e’ Professore di Storia della Cultura italiana all’Universita’ di Oxford e Membro del Pembroke College. Ha studiato presso le Universita’ di Bologna e Verona e ha completato il dottorato durante l’insegnamento presso la Reading University. Prima di arrivare ad Oxford nel 2003, ha insegnato presso le universita’ del Sussex, Kent e Royal Holloway London. Nel 2012 e’ stato nominato Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica dal Presidente italiano come riconoscimento per il suo contributo alla cultura italiana. Il suo lavoro di ricerca si concentra sulla storia della cultura italiana post unificazione, con un particolare interesse per la letteratura e il cinema. Ha collaborato con una serie di organi di informazione quali i canali radiotelevisivi della BBC e RAI e diversi giornali specializzati e generalisti.

E’ autore di una serie di pubblicazioni, tra le quali le monografie: Elio Vittorini (2000), Censorship and Literature in Fascist Italy (2007), Vita e omicidio di Gaetano Pilati (2010), Mussolini censore (2013) e i seguenti libri in collaborazione: con R. Gordon, Culture, Censorship and the State in Twentieth-Century Italy (2005); con E. Bond e F. Faloppa, Destination Italy: Representing Migration in Contemporary Media and Narrative (2015); con A. Carlucci e M. Reza, Italy and the USA: Cultural Change Through Language and Narrative (2019).

David Ellwood e’ Senior Adjunct Professor alla SAIS Europe. Dal 2020, il Professor Ellwood e’  Membro della Fondazione Einaudi di Torino. Precedentemente e’ stato professore associato di storia contemporanea internazionale presso l’Universita’ di Bologna (fino al novembre 2012). Ellwood e’ stato Presidente dell’Associazione Internazionale di Storia e Media (1996-2002). Ha contribuito spesso con articoli e recensioni per giornali accademici, forum di politica e agenzie di stampa. PhD, Italian studies, University of Reading. Autore di The Shock of the Century, testo fondamentale sulla cultura Americana.

  • Organizzato da: ICI London